CONDIVIDI
Come scegliere il vino?

Sei stato invitato a cena e non sai che vino portare? Sei al ristorante e la carta dei vini ti sembra scritta in arabo? Non devi preoccuparti, abbiamo deciso di stilare questa guida alla scelta del vino per fare sempre un’ottima figura.

Suggerimenti per la scelta del vino

La prima regola per scegliere il vino riguarda il tipo di cottura. I piatti cotti al vapore oppure le cotture brevi richiedono vini poco strutturati come un bianco fresco e aromatico. Per le cotture lunghe invece sono indicati vini rossi e morbidi, mentre i fritti e i grassi si accompagnano meglio con le bollicine. È importante scegliere dove acquistare il vino, al supermercato troverai delle bottiglie meno pregiate e che risentono della conservazione come luci forti e disposizione sbagliata, in enoteca invece si può chiedere aiuto al personale e si trovano prodotti di qualità eccellente senza spendere una fortuna. Il rapporto qualità-prezzo è quello da tenere d’occhio, spesso si rischia di investire cifre esagerate per vini non pregiati. Il costo è determinato dall’annata, dal brand e dal vitigno. Ricorda che un uomo preferisce vini rossi speziati oppure bianchi secchi, mentre una donna è portata a sorseggiare vini bianchi con note floreali e frizzantini. Questa non è una generalizzazione, quindi rifletti bene prima dell’acquisto e stai attento a come tieni il bicchiere: prendilo dal punto più lontano della pancia, altrimenti alteri la temperatura del vino, fai piccoli sorsi e sii elegante.

Abbinamento cibo e vino

Scegliere il vino da abbinare al cibo mette tutti in difficoltà, segui questi accorgimenti per godere sino all’ultimo sorso. Tieni presente che chiunque si è già posto questa domanda e devi sapere che oltre agli abbinamenti generali che ti proponiamo di seguito ci sono anche quelli regionali, per esempio il Lambrusco è perfetto con il cotechino, la carne ai ferri chiede il San Giovese, i brasati il Barolo e prosciutti a culatello si sposano con le malvasie.

  • Champagne e Spumante: aperitivo;
  • Vini bianchi secchi: molluschi, crostacei, pesce e carne di vitello;
  • Vini bianchi complessi: pesce arrosto, pollo con salse, molluschi speziati;
  • Vini rosati: zuppe di pesce, crostacei;
  • Vini rossi leggeri: agnello, salumi, formaggi poco stagionati;
  • Vini rossi corposi: carni rosse, selvaggina, formaggi stagionati;
  • Vini dolci (moscati e passiti): dolci e formaggi erborinati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × 5 =