lunedì , Aprile 12 2021
Home / Alimentazione / Yogurt, caratteristiche e proprietà

Yogurt, caratteristiche e proprietà

Quanti tipi di yogurt esistono e quali sono le differenze e le loro rispettive caratteristiche? Si tratta di un alimento ottenuto per fermentazione del latte grazie a dei batteri, ovvero i fermenti lattici, e al lattosio che produce acido lattico. I batteri aggiunti al latte devono essere vivi ed appartenere a ceppi innocui per l’uomo e che quindi, una volta ingeriti, non causano problemi di salute. Quelli più utilizzati sono il Lactobacillus Bulgaricus e lo Streptococcus Termophilus. Si può gustare al naturale o con aggiunte di frutta e cereali, usarlo come ingrediente in varie ricette dolci, come nel sito https://www.kikakitchen.com/ e capire la differenza tra quello di latte animale e latte vegetale.

Proprietà e tipi di yogurt

Cibo sano e completo, oltre ai fermenti lattici e ai probiotici, lo yogurt contiene vitamina A,  vitamine B1, B2, B3, B6, B12, vitamina C e molti minerali, tra cui il calcio non manca di certo. Mediamente, le proteine contenute si aggirano intorno al 3,25%, i lipidi al 2,45%, e i carboidrati al 3,75%. Tuttavia, i valori nutrizionali e le calorie possono variare in base alla tipologia. Aiuta a regolare l’attività intestinale, è un toccasana per la salute delle ossa e rafforza le difese immunitarie.

Lo yogurt naturale bianco è quello servito più in purezza, senza nessuna aggiunta. Esso può essere intero, parzialmente scremato o scremato a seconda del tipo di latte utilizzato. Se ad esso vengono aggiunti probiotici, allora si parla di yogurt bianco o probiotico.

Per rendere appetibile questo alimento ai bambini, esistono altri tipi di yogurt ottenuti partendo dallo yogurt naturale o probiotico per aggiunta di sostanze o ingredienti diversi. Gli yogurt naturali o probiotici sono naturalmente acidi e non sempre gradevoli al gusto. Si aggiungono così composte di frutta, zuccheri, cereali di vario tipo, aromi come caffè, frutta secca o vaniglia per dare sapore.

In molti casi, allo yogurt viene sottratto un quantitativo di grassi in percentuale variabile, allo scopo di rendere il prodotto più magro. Questa è la differenza tra lo yogurt intero e lo yogurt magro. Quest’ultimo deve contenere una percentuale di lipidi minore del 3% e no superiore all’1%.

Confronto tra tipi di yogurt

Tutti i tipi di yogurt sono ottenuti facendo fermentare il latte e contengono fermenti lattici vivi. Tuttavia, ci sono prodotti da preferire e altri di cui bisogna consumarlo moderatamente. I migliori sono quelli bianchi, quindi i cosiddetti probiotici nella versione “intero” sono l’ideale per un migliore apporto nutritivo.

Le versioni magre hanno un contenuto minore di grassi e hanno meno calorie, ma per sottrarre lipidi spesso vengono aggiunti zuccheri, sconvolgendo i valori nutrizionali. Lo yogurt magro non sazia molto, quindi induce a mangiare di più lungo la giornata. Gli yogurt alla frutta hanno lo zucchero dei prodotti vegetali e contiene molti zuccheri aggiunti e additivi per aumentarne l’appetibilità e le calorie. Bisogna consumarli moderatamente, ma per chi non piace il gusto acido dello yogurt bianco,  meglio optare per quelli ai cereali, alla frutta secca o al caffè.

Yogurt greco e vegetale

Gli yogurt tradizionali sono affiancati da delle alternative. Una delle più famose è lo yogurt greco, protagonista anche di molte ricette salate. Esso è ottenuto per fermentazione del latte ed è sempre molto ricco di fermenti lattici vivi, ma le operazioni di filtrazione sono tre invece di due come per quelli tradizionali.

Il terzo filtraggio è molto lento, rendendo la consistenza molto più compatta e cremosa e riduce il contenuto di zuccheri. Inoltre, togliendo il liquido, si preleva anche il lattosio avanzato e il sodio. Di contro, si avrà una concentrazione superiore di lipidi, carboidrati e grassi. Esso è ideale per chi ha una intolleranza al lattosio.

La seconda alternativa è lo yogurt vegetale. Il più famoso è lo yogurt di soia, visto che il latte di soia è quello che più si avvicina a quello animale. I batteri quindi vengono aggiunti al latte vegetale e si ottiene il prodotto. Chi ha allergia al lattosio può mangiare questo yogurt, anche perché ha un apporto di grassi molto basso e le calorie sono poche. A patto che non vengono aggiunti frutta, zuccheri e additivi, perché aumentano le calorie.

About Redazione

Blogger e freelance , amante dell'alimentazione corretta e il vivere sano, gestisco il portale con l'aiuto dei colleghi esperti del settore Alimentazione.

Leggi anche

binge eating

Cos’è il disturbo da binge eating

Lo scenario dei disturbi alimentari, problematiche che riguardano moltissime persone di tutte le età (purtroppo …