sabato , Marzo 23 2019
Home / Curiosità / Qual è la differenza tra sushi e sashimi?
Qual è la differenza tra sushi e sashimi

Qual è la differenza tra sushi e sashimi?

Scopriamo insieme cos’è il sashimi e perché è diverso dal sushi. C’è molta confusione su queste due preparazioni tipiche giapponesi. Se ti avvicini per la prima volta alla cucina nipponica questa guida ti servirà per non fare brutte figure con gli amici.

Sashimi e sushi: cosa sono?

Il sushi e il sashimi come avrai ben capito sono due preparazioni tipiche della cucina giapponese. Innanzitutto dobbiamo iniziare a sfatare alcuni miti, c’è chi dice che il sashimi sia fatto con pesce vivo. Non è assolutamente vero perché il sashimi è pesce freschissimo tagliato a fettine sottili di 5-8 mm che vengono abbattute a temperature bassissime per uccidere eventuali batteri presenti. Al sashimi non si aggiungono le spezie e viene servito senza alghe e riso. Il sapore è molto delicato e l’unica difficoltà è nella preparazione, servono lame affilatissime e una mano precisa per eseguire il taglio. Il sushi, a differenza del sashimi, è una pietanza a base di riso e alghe con diversi ingredienti come salmone, tonno, granchio, polpo, orata e branzino. Esiste anche il sushi vegetariano fatto esclusivamente con le verdure o la frutta, ma quello giapponese è con il pesce!

Sushi e sashimi: tutte le differenze

Spieghiamo subito quali sono le principali differenze tra il sushi e il sashimi. Il sushi non sempre è crudo e ci sono ingredienti cotti oltre al riso infatti anche il pesce utilizzato può essere grigliato o preparato in maniera diversa e succulenta. Dal punto di vista tradizionale il sashimi è più nutriente perché non viene cotto, quindi preserva le proprietà benefiche. Inoltre il sushi è più calorico perché oltre al riso ci sono salse e altri condimenti. Un’altra differenza tra sushi e sashimi è nel prezzo, il motivo è semplice: nel sushi c’è una quantità inferiore di pesce che come materia prima è più costosa.

Che cosa sono i nigiri?

E non finisce qui, se andate al giapponese sul menu potrete trovare tantissimi nomi strani, per esempio i nigiri che sono delle polpettine di riso su cui viene adagiato il sashimi, e ancora i temaki che sono dei coni di alga con riso e pesce da mangiare con le mani. Attenti alla differenza tra futomaki e hosomaki, il primo è molto grande mentre il secondo un bocconcino vero e proprio, infine gli uramaki che sono delle polpette di riso di dimensioni medie ricoperte da semi di sesamo, uova di pesce e altri deliziosi ingredienti.

About Flavia Montanaro

Classe 1985. Web editor. Appassionata di alimentazione sana e vivere green, con una passione per i superfood: il cibo del futuro!

Leggi anche

Palle di Mozart, storia e curiosità

Palle di Mozart, storia e curiosità

La pasticceria austriaca ha due punti di forza rappresentati dalla Sacher Torte e dai Mozartkugeln, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quattordici + uno =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.