CONDIVIDI

La camomilla è una particolare bevanda che viene impiegata e somministrata per via delle sue importanti proprietà benefiche; grazie ai suoi componenti, aiuta ad alleviare possibili bruciori di stomaco, agevola il rilassamento dei muscoli, attenua i dolori causati da gastrite o da altri problemi legati all’apparato digerente, rilassa in caso di ansia. Tuttavia, nonostante venga considerata come una delle bevande più rilassanti a cui fare affidamento, bisogna tenere conto del fatto che potrebbe svolgere anche un’azione eccitante, esattamente con il tè o il caffè. La differenza non risiede nel tipo di fiori sfruttati, ma dai tempi di infusione.

Se avete deciso di prepararvi una buona tazza di camomilla per allontanare lo stress e rilassarvi, suggeriamo di lasciare i fiori o l’estratto di camomilla in infusione per due o tre minuti, rimuovendo poi il tutto. Evitate di superare questi tempi per godere dei benefici rilassanti che le bustine o i fiori possono regalare. Se lasciata in infusione per oltre tre minuti, la pianta diventerà un eccitante, molto più forte del tè e del caffè.

Questo è il motivo principale per cui molte persone faticano ad addormentarsi anche dopo una tazza di camomilla, poiché non riesco a rilassarsi. Ovviamente, le qualità calmanti di questo vegetale sono approssimative, non sempre valide per tutte le persone, visto che ognuno di noi presenta personalità diverse. Tuttavia, a discapito di particolari condizioni fisiche e comportamentali, la camomilla ha effetti benefici e calmanti se lasciata in infusione come suggerito. Vi consigliamo di optare per i fiori al posto delle bustine, poiché molto più efficienti.