CONDIVIDI

Quasi tutti gli italiani hanno provato, almeno una volta, il classico “cibo-spazzatura” dei fast-food; una scelta stabilita per poco tempo durante la pausa pranzo, per mancata voglia di cucinare o semplicemente perché piace. La catena più affermata al mondo è sicuramente McDonald’s, con punti di ristoro presenti in quantità davvero numerose in tutto il nostro territorio. Tuttavia, è in arrivo una novità importante dall’America, poiché pare che prestigioso marchio abbia deciso di rivedere alcuni ingredienti caratteristici del proprio menu.

La decisione è stata presentata in merito al pollo con antibiotici dalle funzioni importanti nei confronti della nostra salute, che sarà escluso dalle proposte culinarie del brand. Oltre alla rimozione di questo ingrediente gradito da grandi e piccini, vediamo l’aggiunta di un altro elemento: il latte parzialmente scremato e il latte parzialmente scremato al cioccolato, entrambi provenienti da mucche che sono cresciuta senza la presenza dell’ormone artificiale rbST.

Mike Andres, il presidente ufficiale di McDonald’s, ha dichiarato che ogni singolo cliente desidera alimenti che vuole mangiare sul serio, di conseguenza le modifiche apportate rappresentano il soddisfacimento delle richieste da parte della clientela: un centro perfetto nei confronti degli obiettivi prestabiliti. Inoltre, tra i vari scopi dell’azienda, c’è la necessità di continuare a valutare e modificare gli alimenti presenti nel menu. Per quale motivo? Semplice: per offrire a tutta la possibile clientela il sapore e la qualità culinaria che cercano. Chissà se la decisione presa comporterà benefici o danni alla società americana, considerato il fatto che il pollo era uno dei prodotti più richiesti dai più piccini.