lunedì , dicembre 11 2017
Home / Alimentazione / Rafano: la radice aromatica dal sapore inconfondibile. Benefici e proprietà
Rafano: la radice aromatica dal sapore inconfondibile. Benefici e proprietà
Rafano: la radice aromatica dal sapore inconfondibile. Benefici e proprietà

Rafano: la radice aromatica dal sapore inconfondibile. Benefici e proprietà

Il rafano appartiene alla famiglia delle crucifere, la stessa di cavoli, broccoli e ravanelli. Sono molti i nomi con cui viene chiamato, forse avrete sentito parlare di rafano rusticano e tedesco, e ancora di barbaforte e cren. La pianta di rafano è caratterizzata da foglie grandi e di colore verde brillante, i fiori invece sono più piccoli, in cucina si usa la radice che ha la polpa soda e biancastra. Sin dal Medioevo, le proprietà terapeutiche del rafano erano ben note, soprattutto quelle antinfiammatorie. Solo nel XVI la radice arrivò anche in cucina. Originario del Medio Oriente, la coltivazione è sviluppata soprattutto nelle zone del nord Italia e in Germania, dove si prepara una salsa per carne e pesce. Qui il rafano è molto importante, pensate che in Baviera c’è addirittura un museo.

Il rafano è composto al 95% di acqua, poi fibre, vitamine idrosolubili e sali minerali. Il sapore piccante è dato dai composti glucosinolati che, in seguito all’idrolisi, si trasformano in isocianati e isotiocianati, tra questi la sinagrina (presente anche nella senape). Il rafano è ipocalorico, 100 grammi di prodotto contengono solo 48 calorie. Grazie alla presenza di acido glicolico, è ottimo in caso di raffreddore, e libera le vie respiratorie da muco e catarro. In caso di infezioni alle vie urinarie invece interviene il solfuro di allile, dalle note proprietà antibatteriche e antibiotiche. Inoltre stimola la diuresi e favorisce l’eliminazione delle tossine, intervenendo nell’azione di contrasto dei radicali liberi a supporto del sistema immunitario.

Il rafano è conosciuto anche con il nome di barbaforte o cren, come la salsa che si ottiene grattugiando la radice
Il rafano è conosciuto anche con il nome di barbaforte o cren, come la salsa che si ottiene grattugiando la radice

Il rafano è sconsigliato in caso di ulcere, gastrite e problemi renali. Deve essere consumato con moderazione perché può irritare le mucose intestinali. La radice si può consumare cruda, grattugiata o tagliata a julienne. Una particolare varietà diffusa in giappone, viene utilizzata per il wasabi. Prima di lasciarvi però vogliamo illustrarvi come preparare la salsa cren a base di rafano. Dopo aver grattugiato la radice dovete aggiungere pangrattato, olio extravergine di oliva e aceto di mele. Il composto deve essere ridotto in pasta, e poi conservato in frigo. Ideale per pesce affumicato, carni, formaggi e uova, la salsa cren si può gustare anche su patate bollite e stufate per dare un sapore più sfizioso.

La bella stagione arriva in fretta, preparati in anticipo con Barò cosmetics!
crema baro anticellulite

About Flavia Montanaro

Classe 1985. Web editor. Appassionata di alimentazione sana e vivere green, con una passione per i superfood: il cibo del futuro!

Leggi anche

Carne ben cotta per fare il pieno di proteine e migliorare la qualità di vita

Carne ben cotta per fare il pieno di proteine e migliorare la qualità di vita

Da sempre il mondo della medicina si divide circa l’assunzione di carne durante la settimana. …