CONDIVIDI

Prima di spiegare tutte le proprietà cosmetiche e terapeutiche dell’olio d’oliva, è bene cercare di specificare tutte quelle differenze che lo allontanano dall’olio extravergine d’oliva. Il primo viene ricavato dai frutti della pianta d’ulivo e avviene solo dopo la loro caduta. Il secondo deriva dalla spremitura di olive prima raccolta, con proprietà organiche e nutritive invariate.

Dal punto di vista della bellezza, l’olio d’oliva rappresenta un vero e proprio trattamento fin dall’antichità. I fenici, ad esempio, lo definivano oro liquido per le sue preziose proprietà. Gli egizi lo utilizzavano per rendere la pelle più morbida e per donare lucentezza ai capelli, mentre i greci lo impiegavano per massaggi e frizioni.

Grazie ad alcuni studi è stato possibile dimostrare che la composizione in grassi dell’olio d’oliva è simile a quella del sebo prodotto dalla nostra pelle; di conseguenza, ci troviamo di fronte a un ingrediente alimentare ricco di benefici e principi importanti per la nostra salute. Infatti, l’olio d’oliva contiene polifenoli, vitamina E e carotenoidi, importanti per combattere l’invecchiamento, infiammazioni, contrastare i radicali liberi e lo stress ossidativo.

L’olio extravergine d’oliva ci aiuta a ridurre i livelli di colesterolo cattivo presenti nel nostro sangue, tutelando il nostro cuore da possibili problemi cardiovascolari. Inoltre, se assunto durante la prima infanzia, aiuta nella crescita, nella mielinizzazione del cervello e della formazione delle ossa. Come se non bastasse, l’olio ci permette di resistere alle infezioni e di far fronte all’arteriosclerosi.

È stata condotta una ricerca nei confronti di 40 mila soggetti tra i 29 e i 69 anni nell’arco di 13 anni; chi assumeva due cucchiai al giorno di olio extravergine d’oliva diminuiva i rischi correlati a malattie cardiache del 44% e per altre patologie del 26%. Stiamo parlando di un alimento che è facile da digerire e comporta importanti benefici anche nei confronti del fegato, della comparsa di tumori, di problemi legati all’apparato gastrointestinale o per chi soffre di diabete, pressione alta e stitichezza.