mercoledì , Aprile 24 2019
Home / Alimentazione / Scopriamo tutte le proprietà nutritive e le controindicazioni delle castagne

Scopriamo tutte le proprietà nutritive e le controindicazioni delle castagne

Le castagne provengono dal castagno, un albero molto longevo che può raggiungere fino ai 35 metri di altezza. Stiamo parlando di un particolare frutto racchiuso in un riccio pungente, consumabile sia bollito che cotto al forno o arrostito sul fuoco.

Per quanto riguarda la sua composizione chimica, la castagna vede circa il 50% d’acqua, il 45% di carboidrati, ceneri, grassi, fibre e proteine; troviamo inoltre anche alcuni minerali, come il magnesio, il ferro, il sodio, il rame, lo zinco, il manganese, il potassio, il fosforo e il calcio. Inoltre, le castagne contengono anche vitamina A, B1, B2, B3, B5, B6, B9, B12, C e D.

Le castagne non presentano glutine, pertanto sono indicate anche per coloro che soffrono di celiachia. Inoltre, stiamo parlando di un frutto molto digeribile e viene suggerito anche per chi soffre di anemia o inappetenza. Grazie alla numerosa quantità di fibre presenti, le castagne aiutano l’intestino a funzionare in maniera più regolare.

Grazie alla presenza di acido folico, la castagna viene somministrata anche durante la gravidanza, in modo da evitare possibili malformazioni a carico del feto. Visto e considerato che contiene importanti minerali, viene consigliata anche per chi soffre di stanchezza cronica o per chi deve recuperare le forze a seguito di malattie.

Circa 100 grammi di castagne fresche contiene fino a 250 calorie, pertanto stiamo parlando di un alimento molto calorico; tuttavia, le castagne bollite scendono fino a 130 calorie, quelle arrostite a 190 e quelle secche salgono a 290 calorie.

Nonostante le varie proprietà benefiche che questo frutto, o meglio seme visto che è contenuto all’interno del riccio, regala al nostro corpo, dobbiamo anche trattare delle possibili controindicazioni. Stiamo parlando di un alimento colmo di amido se non viene cotto bene, pertanto può risultare difficile da digerire. Si sconsiglia l’assunzione in soggetti con diabete, coliti, obesità, aerofagia e malattie legate al fegato.

About Pamela Tela

Seguo con molto interesse le categorie Salute e benessere fornendo informazioni utili agli utenti con le news del settore. Appassionata di letture scientifiche per la salute.

Leggi anche

camomilla eccitante, benefici camomilla, la camomilla fa bene

Camomilla eccitante? Quando supera il caffè e il tè

Camomilla rilassante o eccitante? Alcuni sono convinti di un fatto: camomilla fredda eccitante. Ma in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sei − tre =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.