CONDIVIDI
Orzo, antico cereale amico della salute: proprietà e utilizzi in cucina

L’orzo è un cereale sempre più presente nelle nostre dispense, spesso rimane lì nel contenitore, perché non sappiamo come cucinarlo. Prima di metterci ai fornelli però, scopriamo qualcosa in più sull’orzo. Le sue origini sono antichissime e pare che sia stato il primo ad essere consumato dall’uomo. In commercio si trovano l’orzo perlato e quello decorticato, mentre quello integrale è un prodotto davvero difficile da trovare. L’orzo è ricco di sali minerali, soprattutto potassio, ferro e calcio, è energizzante ma le proprietà più apprezzate sono quelle antinfiammatorie. Chi soffre di problemi gastrointestinali infatti lo preferisce agli altri cereali ed è indicato anche per i soggetti che soffrono di stipsi. Secondo alcune ricerche molto recenti l’orzo è stato indicato come responsabile della buona salute del cuore grazie al beta-glucano, una fibra solubile che tiene sotto controllo i livelli di colesterolo, contribuendo al corretto funzionamento dell’apparato cardiocircolatorio.

Facciamo insieme una panoramica più completa delle proprietà dell’orzo. Oltre a quelle indicate regola il senso di sazietà e quindi contribuisce al mantenimento del peso forma. Durante i periodi stressanti si può consumare l’orzo per ritrovare carica ed energia ed è consigliato anche alle donne in stato di gravidanza o allattamento. Non ha un contenuto elevato di zuccheri, per questo anche bambini e anziani possono mangiare l’orzo e godere di tutti i benefici di questo cereale straordinario.

Come anticipato vi sono diversi tipi di orzo, quello più conosciuto è il tipo perlato pronto all’uso. Mediante un processo di raffinazione il chicco diventa bianco e lucido ma questo comporta anche la perdita dei nutrienti. Quello più nobile è sicuramente l’orzo integrale, oltre ad essere molto raro richiede tempi di cottura lunghissimi. Una buona via di mezzo è costituita dall’orzo decorticato disponibile nei negozi bio, conserva le proprietà originali e non è allo stato grezzo. Vi sono anche i germogli di orzo, particolarmente benefici per la nostra salute, si acquistano già pronti o si preparano in casa con il germogliatore. Per concludere il viaggio alla scoperta dell’orzo, ricordiamo che esiste anche quello solubile e la miscela per moka e l’erba d’orzo. Il vegetale scoperto da uno scienziato giapponese è ricchissimo di vitamine e sali minerali, inoltre contiene un antiossidante a cui è stato dato il nome di SOD importante per contrastare l’invecchiamento cellulare.

L’orzo è un cereale a basso indice glicemico e apporta 320 calorie ogni 100 grammi. In cucina si utilizza per zuppe e minestre ma si presta alla preparazione di insalate fredde (abbinato con altri cereali), frittate, sformati e biscotti.