CONDIVIDI
Olio essenziale di senape: come si usa?

L’olio essenziale di senape è ben diverso dalle salse a base di questi semi che spesso si utilizzano per accompagnare il bollito e la carne. La pianta della senape cresce in maniera spontanea, i fiori gialli fioriscono in primavera e i frutti giungono a piena maturazione in estate, dai semi si ricavano delle gustose salse. Le piante sono di vario tipo, tutte appartengono alla famiglia delle cruciferae, tra cui distinguiamo quelle più comuni: la senape bianca molto delicata, la senape nera dal sapore intenso e piccante, la senape bruna (o cinese) dal sapore simile a quello della varietà precedente con la differenza che della pianta si possono consumare anche le foglie, e la senape selvatica le cui foglie si possono mangiare solo quando sono ancora giovani. In campo alimentare viene usata soprattutto la senape bianca, quella nera piace agli estimatori della cucina orientale e dovete sapere che si ottiene anche un olio essenziale ideale per i massaggi.

Olio essenziale di senape e mostarda: quali differenze?

Senape e mostarda spesso sono usati come sinonimi, non si tratta di un orrore culinario. Nella tradizione gastronomica inglese e francese indicano delle salse a base di olio essenziale di senape che si ricava dai semi della pianta. Per noi italiani invece si tratta di due cose differenti, la mostarda infatti è un prodotto tipico dell’Italia del Nord a base di frutta sciroppata in acqua zuccherata con l’aggiunta dell’olio essenziale di senape che aiuta a conservarla meglio. I romani usavano una salsa a base di senape che avevano chiamato “mustum ardens” e si preparava con il mosto d’uva e i semi della pianta che davano un gusto piccante. La senape venne poi esportata in Francia e ci sono alcune tracce in un documento del 1288, e poi in Inghilterra, dove assunse il nome di “mustard”. Cremona e Mantova si contendono lo scettro di città della mostarda, la prima si prepara con frutta mista candita la seconda invece con un solo frutto a scelta tra mela cotogna e mela campanina.

Olio essenziale di senape: quali proprietà?

L’olio essenziale di senape chiamato anche olio di mostarda si ottiene dalla distillazione in corrente di vapore dei semi. Questo prodotto ha molte proprietà, da sempre è considerato un ottimo digestivo ed è uno tra i più potenti antisettici naturali, consigliato se dovete ripristinare la flora batterica e disinfettare il tratto intestinale. L’olio essenziale di senape è indicato per uso esterno, ma le quantità di prodotto per gli impacchi devono essere minime. Inoltre deve essere maneggiato con cura perché può causare delle irritazioni. Consultate sempre il vostro medico per una consulenza completa per scongiurare eventuali controindicazioni.