lunedì , dicembre 11 2017
Home / Notizie / Banane a rischio estinzione, fungo killer minaccia la loro sopravvivenza
banane rischio estinzione fungo killer Sigatoka

Banane a rischio estinzione, fungo killer minaccia la loro sopravvivenza

Mangiare le care, profumate e gialle banane potrebbero diventare un ricordo lontano: la causa è la Sigatoka, in particolare un fungo patogeno che sta sterminando questa golosa frutta esotica

Addio banana, un fungo killer sta sterminando ogni banano: frutta esotica a rischio estinzione

Mangia la banana che ti fa bene: è quello che ripetono le mamme ai loro bambini per fargli assaggiare un po’ di frutta e vitamine. Del resto, la banana si presta ad essere anche una sorta di gioco, visto che è un alimento che si può sbucciare e mangiare con facilità, a differenza di molta altra frutta esotica (cocco e ananas in primis). Ebbene, il gesto dello sbucciar e mangiare le banane, nonché i caschi che ricordano molto il Brasile e i Paesi esotici, potrebbero essere solo un vago ricordo immortalato in fotografie destinate a sbiadire. Secondo i ricercatori dell’Università della California UC Davis, un fungo patogeno potrebbe in breve provocarne l’estinzione tra 5-10 anni.

Pericolo estinzione banane, la causa la patologia fungina Sigatoka

A minacciare questa frutta esotica benefica per adulti e bambini è una malattia chiamata Sigatoka, provocata dall’aggressione di tre diverse specie fungine. Una patologia che sarebbe in grado di ridurre i raccolti del 40%. Le specie coinvolte, secondo la ricerca pubblicata sulla rivista Plos Genetics, sono la Pseudocercospora musae, la Pseudocercospora eumusae e la Pseudocercospora figiensis. Due delle patologie fungine delle banane sono diventate più virulente con l’incremento della loro abilità di manipolare il metabolismo della stessa pianta, al fine di utilizzarne i nutrienti come proprio cibo.

Banane a rischio estinzione, la banana diventa OGM?

Lo scenario futuro diventa apocalittico, visto che l’ampia diffusione delle coltivazioni di banane sono ottenute mediante talea dalla varietà Cavendis. L’operazione genera una serie di piante clonate, ovvero geneticamente identiche (possedendo lo stesso genotipo), le quali favoriscono la diffusione del fungo killer. E’ facile immaginare che se la patologia Sigatoka dovesse diffondersi in Italia, ad esempio, sterminerebbe comunque tutti i banani del Belpaese. L’unica speranza dei ricercatori  per salvare il frutto è trovare una pianta resistente al fungo killer, o chiedere aiuto alla genetica, modificando il DNA dell’albero.

La bella stagione arriva in fretta, preparati in anticipo con Barò cosmetics!
crema baro anticellulite

About Elisabetta Coni

Esperta di alimentazione e superfood in continuo aggiornamento: perchè il cibo è la migliore medicina

Leggi anche

Nasce Gustoso, il progetto per portare il Made in Sicily negli States

Gustoso Sicilian Food Excellence, il Made in Sicily punta gli Usa

Sono dodici le aziende siciliane pronte a partire per gli Stati Uniti con l’obiettivo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto − 3 =