CONDIVIDI
Asparagi: benefici, proprietà e controindicazioni degli ortaggi di stagione

Gli asparagi sono una varietà perenne, la loro coltivazione è iniziata più di mille anni fa e la nostra nazione è una delle maggiori produttrici a livello europeo. Sono considerati uno scrigno di benessere grazie alla presenza di fibre vegetali, acido folico, vitamine ACE e sali minerali. Tra questi segnaliamo il cromo che agisce sull’insulina e migliora la sua capacità di trasportare il glucosio del sangue verso le cellule dell’organismo. Grazie ad alcuni studi inoltre è stato scoperto che gli asparagi prevengono il diabete di tipo 2. Ma non finisce qui, tante altre sono le proprietà degli asparagi che contengono anche il glutianone, sostanza che depura l’organismo dalle tossine e dai radicali liberi.

Un consumo moderato di asparagi porta altri benefici tra cui la prevenzione del cancro alle ossa, al seno, al colon, alla laringe e ai polmoni. Si tratta sempre di studi scientifici ancora in corso ma gli asparagi sono così saporiti che introdurli nella nostra alimentazione non è nemmeno difficile. In cucina sono versatili e si prestano a ricette poco elaborate e light, indicate soprattutto per chi è a dieta. L’effetto detox degli ortaggi è reso ancora più marcato dall’asparagina, un amminoacido che è un vero e proprio diuretico naturale, il sodio in eccesso viene eliminato con benefici per chi soffre di ritenzione idrica e ipertensione.

Varietà di asparagi

Vi sono diverse varietà di asparagi, quella più comune è verde scuro o chiaro, ma ci sono anche quelli bianchi, rosa e viola. Una prima distinzione si può fare tra gli asparagi selvatici conosciuti come asparagina e quelli coltivati. Come dicevamo in apertura, la nostra nazione è una grande produttrice e, a seconda delle zone, abbiamo anche diverse varietà di asparagi le più conosciute sono l’asparago bianco di Bassano, l’asparago bianco di Padova, l’asparago bianco di Rivoli Veronese. Trattandosi di piccole produzioni, in questo periodo dell’anno ci sono anche delle fiere a tema per conoscere e apprezzare meglio gli ortaggi. In Lombardia c’è una varietà rara la cui coltivazione è ripresa da due decenni circa, l’asparago rosa di Mezzago che, nonostante il colore diverso, appartiene comunque alla famiglia di quelli bianchi. L’ultima varietà che vi proponiamo è l’asparago violetto di Albenga, così dolce che si può consumare anche crudo.

Controindicazioni degli asparagi

Vi sono alcune controindicazioni legate al consumo di asparagi, chi ha problemi di gotta dovrebbe evitarli per via delle purine di cui sono particolarmente ricchi. Trattandosi di un alimento energizzante è sconsigliato mangiarli la sera perché hanno un effetto destabilizzante sul riposo notturno. I medici inoltre raccomandano la somministrazione degli asparagi ai bambini al di sopra dei tre anni. Attenzione anche a chi soffre di cistiti, nefropatie, calcoli o reumatismi articolari, gli asparagi tendono ad accentuare i sintomi legati a queste patologie.