martedì , gennaio 23 2018
Home / Curiosità / Mangiare il gelato a colazione riattiva il cervello: i segreti del brain boost
mangiare gelato fai da te a colazione

Mangiare il gelato a colazione riattiva il cervello: i segreti del brain boost

In questo periodo solo a parlare di gelato, si congela la punta del naso, però dovete sapere che secondo uno studio, mangiandolo a colazione, si riattiva il cervello. In seguito parleremo degli effetti terapeutici del gelato sull’umore, adesso ci concentriamo su quello “sprint”. Lo scienziato giapponese, Yoshihiko Koga delle Kyorin University Hospital di Tokyo ha parlato di “brain boost”.

Non è il freddo che genera questa reazione ma un ingrediente contenuto nel gelato. Nello studio le persone sono state invitate a fare colazione con tre cucchiai di gelato e gli scienziati hanno registrato tempi di reazione e di ricezione delle informazioni più rapidi. I partecipanti al progetto sono stati sottoposti a dei test specifici, ovviamente le prove venivano svolte anche da chi aveva fatto la solita colazione. Per capire se il “brain boost” fosse dato dal freddo del gelato, è stata somministrata acqua fredda, ma le onde celebrali non hanno registrato gli stessi movimenti e le prestazioni sono rimaste invariate. Lo studio prosegue per scoprire qual è l’ingrediente “magico” del gelato che riattiva il cervello.

come fare il gelato senza gelatieraNoi per il momento ci concentriamo sugli effetti del gelato sull’umore, come il cioccolato, una coppetta di gelato aiuta a combattere depressione e malinconia. Non lo diciamo solo per esperienza diretta, ma lo certifica anche un altro studio promosso da Antica Gelateria del Corso: le creme fredde solleticano il palato e coccolano la mente. Per le persone intervistate, mangiare un gelato trasmette piacere (31%), fa tornare bambini (27%), emoziona (24%). Queste sensazioni cambiano in base ai gusti scelti, le creme colorate come amarena e pistacchio sono ideali a fine giornata, per concedersi un po’ di relax, mentre caffè e tiramisù sono indicati per ricaricarsi. Anche il “formato” ha delle implicazioni, il cono è scelto da chi vuole condividere delle emozioni, da chi vuole evadere e da chi cerca conferme, mentre lo stecco è per chi gusta tutto rapidamente.

Se non avete la gelatiera e volete provare a fare in casa il gelato per verificare l’effetto “brain boost” potete mettere della frutta come banane, fragole e lamponi, nel congelatore e di frullarla nel robot da cucina con lo yogurt, oppure potete aggiungere il succo della frutta fresca estratto dalla centrifuga e successivamente versato nelle formine per il ghiaccio.

La bella stagione arriva in fretta, preparati in anticipo con Barò cosmetics!
crema baro anticellulite

About Flavia Montanaro

Classe 1985. Web editor. Appassionata di alimentazione sana e vivere green, con una passione per i superfood: il cibo del futuro!

Leggi anche

Natale 2017 in Puglia, dolci tipici della tradizione natalizia

Natale 2017 in Puglia, dolci tipici della tradizione natalizia

Come si festeggia il Natale in Puglia e cosa si mangia per questa occasione di …