CONDIVIDI
Uova: nuovi studi confermano che riducono il rischio di ictus
Uova: nuovi studi confermano che riducono il rischio di ictus

Una nuova ricerca ha messo in discussione il ruolo delle uova nella nostra alimentazione. Come sappiamo infatti contengono una quantità eccessiva di colesterolo e il consumo eccessivo può danneggiare il cuore e i vasi sanguigni, oltre ad appesantire il fegato. Secondo i ricercatori dell’EpidStat Institute di Ann Arbor, nel Michigan mangiando un uovo al giorno il rischio di ictus si riduce del 12%. Prima di giungere a tale conclusione gli scienziati hanno analizzato una serie di studi pubblicati tra il 1982 e il 2015 valutando attentamente le relazioni tra il consumo di uova e le malattie coronarie in 276mila persone e l’ictus in 308mila soggetti.

L’autore dello studio, Alexander Dominik, ha precisato che molti aspetti devono ancora essere approfonditi ma non vi sono dubbi sul fatto che le uova contengano sostante antiossidanti che riducono lo stress ossidativo. Inoltre sono una fonte di proteine e questo favorisce l’abbassamento della pressione sanguigna. Un uovo di grandi dimensioni custodisce nel suo guscio 6 grammi di proteine, oltre a luteina, zeaxantina e vitamine del gruppo B, E, D, A. Che le uova fossero una vera e propria miniera di sostanze utili al benessere del nostro organismo non è una novità.

Un uovo al giorno toglie l’ictus di torno? La nuova ricerca conferma le proprietà benefiche
Un uovo al giorno toglie l’ictus di torno? La nuova ricerca conferma le proprietà benefiche

Le uova sono molto nutrienti e tra gli altri preziosi composti vi è la colina, un amminoacido che si trova nel tuorlo e aiuta la funzionalità del fegato, inoltre stimolano la secrezione della bile e prevengono l’accumulo di grasso e colesterolo nelle arterie aiutando anche nella prevenzione di altre patologie degenerative come l’arteriosclerosi. Tra le proprietà delle vitamine del gruppo B ricordiamo l’azione di riduzione dell’omocisteina che rinvigorisce il sistema immunitario e cura l’anemia reintegrando le scorte di ferro. Come potete ben capire le uova sono utili a tutte le età anche se ii bambini piccoli devono assumere il tuorlo non prima dei cinque mesi di vita e l’albume dopo aver compiuto il primo anno.

Si possono mangiare sino a 3 uova a settimana ma chi soffre di calcoli dovrebbe starne alla larga così come i soggetti intolleranti alle proteine che contengono. Per tutti gli altri consigliamo un uovo a colazione per migliorare la concentrazione e per una ricarica di energia naturale!