CONDIVIDI

La sinusite è un’infiammazione che colpisce i seni paranasali, cavità che percorrono le guance, le ossa del naso, gli occhi e un’area precisa dietro la fronte. La malattia si manifesta a seguito dell’ostruzione di queste cavità, dove spesso si annidano batteri e virus di vario genere. Inoltre, non è solo il muco il responsabile più importante di questa condizione, ma anche il setto nasale deviato, polipi nasali o speroni ossei nasali. Vediamo insieme tutti i fattori di rischio prima di scoprire come combatterla:

  • Chi soffre di febbre da fieno o di rinite allergica;
  • Chi presenta malattie che bloccano il corretto funzionamento delle ciglia respiratorie;
  • Tabagismo;
  • Improvvisi cambiamenti di altitudine;
  • Fibrosi cistica;
  • Sistema immunitario debole a causa di chemioterapia o HIV;
  • Diabete;
  • Andare all’asilo nido;
  • Ossa facciali anomale

Nella maggior parte dei casi, la sinusite acuta dura meno di quattro settimane; in caso di sinusite cronica, è fondamentale chiedere consulto al proprio medico, poiché potrebbe durare anche per tre mesi consecutivi. Tra i sintomi più comuni troviamo:

  • Mal di testa acuto;
  • Sensibilità facciale;
  • Mal di gola;
  • Febbre;
  • Tosse che si aggrava durante la notte;
  • Malessere generale e fatica;
  • Alito cattivo;
  • Perdita dell’olfatto;
  • Naso che cola

Fortunatamente, grazie a un particolare rimedio naturale, è possibile combattere l’infiammazione e allontanare il mal di testa in soli 5 giorni. Per realizzare tale trattamento, dovrete avere a disposizione del rafano rusticano e un ottimo aceto di sidro di mele. Prendete il rafano e mettetelo in una bottiglietta, dove aggiungerete anche l’aceto. Fate macerare per bene la miscela per almeno una decina di giorni e agitatela ogni tanto, conservandola a temperatura ambiente. Trascorso il tempo consigliato, aprite la bottiglietta e inalate l’odore per cinque minuti; di notte, immergete dei tessuti nel liquido e poggiateli sulla fronte per eliminare il mal di testa. Praticate l’operazione per cinque giorni.